Warning: Illegal string offset 'instance' in /web/htdocs/www.eurocalciomercato.com/home/wp-content/plugins/theme-my-login/includes/class-theme-my-login.php on line 946

Warning: Illegal string offset 'instance' in /web/htdocs/www.eurocalciomercato.com/home/wp-content/plugins/theme-my-login/includes/class-theme-my-login.php on line 950
Carpi – Inter 1-2 – Highlights – Giornata 2 – Serie A TIM 2015/16 : EUROCALCIOMERCATO.com

 

 

Roma–Carpi

5 - 1

26 Settembre 2015

Ore 18:00

Olimpico

Napoli–Juventus

2 - 1

26 Settembre 2015

Ore 20:45

San Paolo

Genoa–Milan

1 - 0

27 Settembre 2015

Ore 12:30

Luigi Ferraris

Sassuolo–Chievo Verona

-:-

27 Settembre 2015

Ore 15:00

Mapei Stadium

Hellas Verona–Lazio

-:-

27 Settembre 2015

Ore 15:00

Marcantonio Bentegodi

Torino–Palermo

-:-

27 Settembre 2015

Ore 15:00

Olimpico

Bologna–Udinese

-:-

27 Settembre 2015

Ore 15:00

Renato Dall\'Ara

Inter–Fiorentina

-:-

27 Settembre 2015

Ore 20:45

Giuseppe Meazza

Frosinone–Empoli

-:-

28 Settembre 2015

Ore 19:00

Comunale

Carpi – Inter 1-2 – Highlights – Giornata 2 – Serie A TIM 2015/16

| 10 Settembre 2015 | 0 Commenti

Nel segno di Jovetic. Dopo la stoccata all’Atalanta, l’ex City con una doppietta trascina l’Inter anche oltre il Carpi. E la sconfitta della Juve a Roma li porta alla sosta – con vista derby – a +6 sulla rivale di sempre. Inutile per un commovente Carpi il gol del momentaneo 1-1 firmato da Di Gaudio.

Nel consueto 3-5-2, Castori sostituisce l’infortunato Mbakogu con Wilczek. Mancini risponde con il 4-3-1-2. Malgrado Hernanes abbia recuperato dal fastidio muscolare, da trequartista si muove ancora Brozovic. Un segnale anche in chiave mercato? Guarin completa la mediana con Medel e Kondogbia. Nonostante i moniti del tecnico, l’Inter parte meno bene dell’avversario. Lollo scalda Handanovic dopo una sgommata dell’ex Wallace, poi Matos invoca il rigore per un intervento di Murillo. La prima metà del tempo sembra volare, avara di emozioni. Il Carpi ci prova ma non punge, l’Inter è troppo lenta e compassata per sorprendere le linee avversarie. Medel è commovente per come copre ogni buco, ma quando c’è da impostare, anche no grazie. Guarin e Kondogbia non cercano quasi mai l’inserimento, Brozovic fatica a trovare la posizione, Palacio svaria. L’unico che si azzarda in qualcosa di verticale è Jovetic, troppo barocco però in alcune giocate e senza ancora la giusta esplosività per saltare l’uomo come vorrebbe. Jo-Jo però in questo momento è l’uomo del destino nerazzurro. Al 31’ Guarin crossa dalla trequarti destra, Brkic ha un’indecisione fatale in uscita, anche se poi è reattivo nel murare il colpo al volo del montenegrino. Il pallone però resta lì e Jovetic deve solo appoggiarlo nella porta vuota. Vantaggio immeritato, perché poco prima Handanovic era stato miracoloso su Matos (pescato però in millimetrico fuorigioco) e subito dopo si oppone di pugno al sinistro di Wilczek. Nel recupero è Fedele, tra i migliori dei suoi, a svirgolare da buona posizione.

Nessun cambio nell’intervallo, ma l’Inter cambia atteggiamento. Brozovic e poi Palacio sfiorano il raddoppio. Poi però il match torna a stagnare con i nerazzurri che tengono il pallino ma senza trovare varchi. Anzi, rischiano su qualche ripartenza del Carpi. Qui però viene fuori la solidità di Miranda e Murillo, sempre attenti e spesso in anticipo sulle punte avversarie. Castori a metà ripresa ci prova con Lasagna per Wilczek. Il neo entrato dà un po’ di verve alla manovra, che spesso parte da destra grazie a Wallace, ma al limite dell’area i padroni di casa si confermano troppo leggeri. Entra pure Di Gaudio per lo stesso Wallace che prima di sedersi in panchina ha un’accesa discussione con il secondo portiere Benussi. Entrano anche Lazzari per Fedele e Nagatomo per Santon. Proprio il giapponese al 36′ non riesce a chiudere su Di Gaudio, che insacca sul cross basso di Letizia, sfruttando un velo di Lasagna che mette fuori causa anche Murillo. Pareggio in fondo giusto, con Miranda costretto al fallaccio sullo stesso Di Gaudio, lanciato in contropiede. Mancini al 40′ ci prova con Hernanes per Brozovic. Palacio avrebbe la palla buona, ma Brkic lo mura. Passa un minuto e Rodrigo innesca in area Guarin, bravo a fintare il destro e provocare l’intervento falloso di Gabriel Silva. Rigore netto che Jovetic trasforma con freddezza prima di lasciare il campo a Ranocchia tra le ovazioni di un Braglia pieno di interisti.

Area: Carpi, Highlights, Inter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *